La pazzesca partita tra Pescara e Milan dove segnarono solo milanisti

pescara milan 4-5

Rileggendo il tabellino di Pescara 4-5 Milan, non può non saltare all’occhio un particolare. In quella partita andarono a segno tutti “milanisti”. Sembra strano ma tutte le 9 reti dell’incontro furono messe a segno da giocatori che nel passato e in questo preciso momento storico, hanno fatto e fanno parte della storia del Milan.

LA PAZZESCA PARTITA TRA IL PESCARA E IL MILAN DOVE SEGNARONO SOLO MILANISTI

La gara andò in scena il 13 Settembre 1992 e in campo vi erano il Pescara di Giovanni Galeone e il Milan di Fabio Capello che a fine anno si cucì lo scudetto sul petto. Neanche il tempo di battere il calcio d’inizio e fu subito spettacolo. Dopo neanche un minuto, a passare in vantaggio fu la squadra di casa con Frederic Massara che mise in crisi la retroguardia rossonera. Suo il cross in area, proveniente dalla destra che Allegri di sinistro insaccò alle spalle di Antonioli portando in vantaggio i suoi compagni. Al 3’ minuto Donadoni su calcio d’angolo trovò pronto Paolo Maldini che diede la parità ai rossoneri con una lesta zampata di sinistro. Al 5’ minuto i rossoneri si portarono in vantaggio.

Uno scatenato Savicevic sulla destra pennellò un cross al bacio, dove Gianluigi Lentini in rovesciata trafisse il portiere Savorana. Le emozioni nel primo tempo si susseguirono una dietro l’altra e al ‘12 il Pescara trovò il pareggio. Punizione dalla distanza per la squadra di casa, il sinistro potente di Nobile andò a sbattere contro Franco Baresi. La palla si impennò e beffò nuovamente il portiere milanista. I Delfini al ‘14 minuto si portarono addirittura in vantaggio grazie a una magia di Allegri. Max, divenuto successivamente l’allenatore del Milan, dopo uno spettacolare uno-due con un suo compagno, fece esplodere un destro micidiale. Dopo l’ennesima deviazione di Baresi il pallone si andò ad infilare sotto la traversa.

DAL GOL DI MASSARA, ALLA RIMONTA ROSSONERA

Al 23’ minuto svarione in mezzo al campo tra il Capitano Rossonero e Frank Rijkaard, dove Allegri ne approfittò per mandare con un filtrante in porta Frederic Massara. L’allora numero 11 del Pescara e ora D.S. del Milan si involò in porta affiancato da due suoi compagni. In stile Inzaghi ai mondiali 2006, si mise in proprio e al posto di passare la palla, scartò il portiere e depositò la palla in porta. Il gol del 4-2 avrebbe steso chiunque, tutti ma non gli uomini di Capello che al ‘37 accorciarono le distanze. Donadoni sulla sinistra mise una palla invitante dopo si avventò Marco Van Basten che di piattone portò i rossoneri a un solo gol di svantaggio.

Pochi minuti dopo ancora il Cigno di Utrecht pareggiò l’incontro dopo un altro bellissimo assist di Savicevic sempre dalla destra. Il primo tempo finì con lo spettacolare punteggio di 4-4! Nella ripresa il caldo e le fatiche europee del Milan infrasettimanali fecero si che la squadra di Don Fabio abbassò notevolmente i giri del motore. Tuttavia una bella imbucata di Rijkaard diede il via al gol del vantaggio di Marco Van Basten questa volta superando il portiere avversario con un delizioso pallonetto, quando mancavano 18 minuti alla fine della partita.

E’ uscito il nostro nuovo libro “Frammenti di calcio, 258 storie sul mondo del futbol”. Clicca QUI per saperne di più.

LEGGI ANCHE: IL FANTASTICO DERBY TRA L’INTER DI ZACCHERONI E IL MILAN DI ANCELOTTI

Clicca QUI per vedere la sintesi della spettacolare partita tra Pescara e Milan

Foto: Obiettivo Milan