Il Derby Roma-Lazio del 70-71 in cui furono espulsi…i fotografi!

Roma Lazio fotografi Sorry! You are blocked from seeing ads

Nel derby del 14 marzo 1971 tra la Roma e la Lazio, l’arbitro decise di espellere tutti i fotografi presenti a bordo campo. Una decisione alquanto anomala che rese ancor più memorabile una partita ricca di emozioni e tensioni. L’incontro terminò 2-2.

ROMA-LAZIO E IL DERBY DEI FOTOGRAFI ESPULSI

Il derby è spesso una partita a sé. Una gara emotivamente intensissima in cui, talvolta, ci si trova a salvare un’intera stagione o, quantomeno, l’orgoglio cittadino. È il caso, ad esempio, della stracittadina romana del campionato 70-71. Un Roma-Lazio diventato storico non solo per le grandi emozioni in campo ma anche per l’incredibile decisione dell’arbitro di espellere tutti i fotografi presenti a bordo campo! Ma andiamo con ordine. La Roma, affidata alle cure del Mago Helenio Herrera, naviga a metà classifica. Un rendimento senza infamia e senza lode che porterà addirittura all’esonero del tecnico argentino.

La Lazio, dal suo canto, vive una stagione ancor più travagliata ed è ancorata sul fondo della classifica. Anche per i bianco celesti, c’è un allenatore argentino in panchina: il burbero e pittoresco Juan Carlos Lorenzo. Un personaggio incredibile, che guiderà a più riprese la formazione laziale, con alterne fortune. Per entrambe le squadre, il derby di ritorno rappresenta una delle ultime possibilità per provare a salvare un’annata negativa. La risposta del pubblico è, come al solito, entusiasmante e si registra il tutto esaurito. La partita, pur piuttosto povera da un punto di vista prettamente tecnico, è però giocata a grande ritmo. C’è intensità, durezza negli interventi e alternanza continua di emozioni.

IL RACCONTO DELLA GARA

Il tema della partita è, fin dalle prime battute, piuttosto chiaro. La Roma, superiore da un punto di vista tecnico, prova a fare la gara. La troppa frenesia e voglia di vincere, però, finiscono spesso per frenare gli uomini di Herrera, particolarmente imprecisi in zona di rifinitura. Di contro, la Lazio indossa l’elmetto e si mette in trincea, ben conscia delle proprie difficoltà di gioco. Lorenzo imposta una partita prettamente difensiva e con un piano tattico piuttosto semplice e diretto. Palla recuperata e veloce verticalizzazione per Chinaglia, in grado di fare la guerra da solo in avanti. La strategia “ospite” paga perché è proprio la Lazio a sbloccare la contesa. Tomy scende sulla fascia e mette in mezzo.

Il difensore giallorosso Santarini, nel tentativo di liberare la propria area, interviene goffamente e infila la sua porta per il più classico degli autogol. Il colpo subito è una mazzata enorme per la formazione romanista, che poco dopo rischia il tracollo su un contropiede del solito Chinaglia. Poco prima dell’intervallo, tuttavia, i giallorossi trovano il pareggio con Zigoni, abile a sfruttare un erroraccio del portiere Di Vincenzo. Dopo un quarto d’ora della ripresa, lo scatenato Chinaglia guadagna e trasforma un calcio di rigore, riportando avanti la Lazio. La Roma, però, non ci sta e trova il definitivo pareggio. Ma in questa girandola di emozioni, è l’arbitro Monti che decide di entrare nella storia del derby tra Roma e Lazio, espellendo tutti i fotografi presenti!

L’INCREDIBILE EPISODIO DEI FOTOGRAFI

Per narrare il fatto, però, occorre tornare indietro di qualche minuto, al momento del primo pareggio giallorosso. Il portiere Di Vincenzo, infatti, per giustificare il suo evidente errore tecnico, afferma di essere stato caricato. Si accende un forte parapiglia e, improvvisamente, il terreno di gioco viene invaso perfino dai fotoreporter presenti a bordo campo. Un atteggiamento che, ovviamente, indispettisce i laziali con Pino Wilson particolarmente attivo nella diatriba. Anche alcuni dirigenti biancocelesti non gradiscono l’invasione e fanno valere le proprie ragioni. Inoltre, va specificato come fin dall’inizio della sfida tra Roma e Lazio, i fotografi presenti hanno avuto un comportamento alquanto esuberante.

A più riprese, si sono improvvisati raccattapalle, correndo a recuperare la sfera per accelerare la ripresa del gioco. Poi, hanno palesemente esultato al momento del gol di Zigoni. Avendo notato tutto ciò, l’arbitro Monti decide di prendere in mano la situazione. Conscio che certi atteggiamenti potrebbero aizzare anche la folla presente, il direttore di gara allontana i fotografi dal terreno di gioco. L’emozionante gara, tuttavia, non servirà a salvare la stagione delle due squadre. La Roma si accontenterà di un mediocre sesto posto, vincendo però il trofeo Picchi. A rincuorare i tifosi giallorossi, invece, ci sarà la retrocessione in B della Lazio. Nonostante l’allontanamento di Lorenzo, i biancocelesti chiuderanno al penultimo posto un campionato alquanto negativo.

Frammenti di Calcio è il nostro nuovo libro. Clicca QUI per saperne di più!

LEGGI ANCHE: IL FANTASTICO DERBY TRA LA LAZIO DI ERIKSSON E LA ROMA DI ZEMAN DEL 1998

error: Content is protected !!