Scozia-Inghilterra, l’eurogol di Gascoigne e la parata assurda di Seaman

Scozia-Inghilterra 1996

15 giugno 1996: Scozia-Inghilterra, il grande derby britannico di Euro ’96

Il 15 giugno 1996 si disputava una delle partite più iconiche nella storia del calcio britannico. Scozia-Inghilterra il derby britannico degli Europei del ’96. Un’apoteosi per il football del Regno Unito nella patria del football per eccellenza. Fu un trionfo per gli inglesi nel loro Europeo a trent’anni dal Mondiale vinto nel ’66. Teatro designato per la sfida non poteva che essere il tempio per antonomasia del calcio inglese: il mitico stadio Wembley. 

Scozia-Inghilterra, l’apoteosi del calcio britannico nel tempio di Wembley

Le due squadre arrivavano all’attesissima sfida entrambe con un pareggio all’esordio. Gli inglesi che cantavano “Football’s coming home” sognando un trionfo come quello del 1966, avevano impattato contro la Svizzera. Gli scozzesi, invece, avevano pareggiato contro l’Olanda. La Nazionale dei Tre Leoni si presentavano con i favori del pronostico. Una squadra formidabile con una spina dorsale formata dal portiere Seaman, il difensore Tony Adams, il talento sregolato di Gascoigne e il bomber Shearer. Eppure la partita contro i cugini era tutt’altro che scontata. Il primo tempo fu all’insegna della tensione. Perdere per entrambe significava rischiare l’eliminazione dagli Europei. Le cose cambiarono nel secondo tempo, quando all’8′ un cross di Gary Neville fu raccolto da Shearer che lo spinse comodamente in rete. Partita finita? Neanche per sogno. Gli scozzesi reagirono e trovarono la possibilità di pareggiare poco dopo quando  Gordon Durie fu atterrato da Adams in area di rigore.

Dalla parata col gomito di Seaman alla perla di Gascoigne

Sul dischetto si presentò McAllister che calciò potente ma il portiere inglese Seaman riuscì incredibilmente a deviare il pallone con il gomito. Si restava sull’1-0 per i padroni di casa. Poi, ad undici minuti dalla fine, l’episodio decisivo e iconico della partita. Contropiede Inghilterra, palla lunga per Anderton che la passò a Gascoigne. Gazza fece passare la sfera sulla testa dello scozzese Hendry col piede sinistro, calciando al volo di destro. Palla in rete e 2-0 per i Tre Leoni. Il Derby della Gran Bretagna a Euro ’96 andò così agli inglesi che continuarono a sognare un trionfo europeo a trent’anni dal Mondiale casalingo vinto nel 1966. “The Boys are back in town” recitava un coro dei supporters di Sua Maestà. Le cose però non andarono come tutta l’Inghilterra voleva. La Germania spezzò il sogno in semifinale ai calci di rigore. Quell’eurogol di Gazza però restò alla storia di quegli Europei Made in England. Vedremo se fra tre giorni la storia si ripeterà 25 anni dopo quella volta a Wembley.

FOTO Euros Tweet Twitter.

È uscito il libro di Football Story “Frammenti di calcio”! clicca QUI per scoprire 258 storie mozzafiato dal mondo del football!

Leggi anche: Jimmy Greaves, il leggendario goleador inglese con un debole per l’alcol

jimmy greaves inglese

Jimmy Greaves, il leggendario goleador inglese con un debole per l’alcol

Italia Germania Sarnano

Quando Italia e Germania si sfidarono a Sarnano nel bel mezzo della guerra