Italia-Croazia, il precedente k.o. degli azzurri a Palermo firmato da Suker

Quell’Italia-Croazia del 1994 a Palermo con protagonista Davor Suker.

Italia-Croazia 1994

Gli azzurri a Palermo e quell’unica sconfitta in un Italia-Croazia di 27 anni fa

Palermo è stata una città sempre fortunata per gli azzurri che hanno ottenuto allo stadio “Renzo Barbera” ben 15 vittoria. Solo in un’occasione il capoluogo siciliano fu avverso alla nostra Nazionale. Era il 1994 e nello stadio del Palermo Calcio andava in scena un Italia-Croazia. Partita amara per la nostra squadra e per i tifosi palermitani che videro per la prima volta l’Italia nel loro stadio.

Il precedente delle qualificazioni a Euro ’96

Il 16 novembre 1994 al La Favorita si giocava Italia-Croazia, sfida valida per le qualificazioni agli Europei 1996. L’Italia vicecampione del Mondo, guidata ancora da Arrigo Sacchi, fu inserita in un girone di qualificazione che comprendeva oltre ai debuttanti croati Lituania, Ucraina, Estonia e Slovenia. Gli azzurri avevano iniziato il loro cammino con un pari in Slovenia a cui fece seguito una vittoria nella successiva trasferta contro l’Estonia. Si arrivò così alla fatidica sfida contro la rappresentativa croata in una città che, fino ad allora, aveva sempre portato bene ai nostri beniamini. Ma c’è sempre una prima volta. E purtroppo quella sera non fu molto fortunata.

16 novembre 1994: Italia-Croazia, quando Suker firmò il primo k.o. azzurro degli azzurri a Palermo

L’Italia di Sacchi schierava il suo canonico 4-4-2 con Pagliuca in porta, difesa formata da Negro, Panucci, Costacurta e Maldini; Lombardo, Albertini, Dino Baggio, e Roberto Baggio, con Rambaudi e Casiraghi a completare il reparto offensivo. La Croazia, invece, scendeva in campo con: Ladic, Brajkovic, Jarni, Stimac, Jerkan, Bilic, Asanovic, Prosinecki, Suker, Boban, Jurcevic. La prima emozione del match fu di marca azzurra con un colpo di testa di Dino Baggio. Poco dopo la mezz’ora, però, furono i croati a passare in vantaggio con la rete di Davor Šuker, smarcato da Jurcevic. La reazione degli azzurri fu sterile e si andò al riposo sullo 0-1 in favore della Croazia. Croazia che al 13′ della ripresa trovò addirittura il raddoppio ancora con Šuker. Gli uomini di Sacchi riuscirono a trovare la via del gol soltanto allo scadere della gara con Dino Baggio. Italia-Croazia 1-2. Il talismano dello stadio di Palermo non aveva funzionato per la prima volta. Fu il primo e unico k.o. dell’Italia a Palermo. Almeno fino a ieri, purtroppo. Ironia della sorte, anche l’arbitro (Quiniou) di quella gara contro la Croazia era francese come Turpin che ha diretto ieri l’amaro spareggio Mondiale contro la Macedonia del Nord.

“Frammenti di calcio – 258 storie sul mondo del futbol” clicca QUI per acquistare il libro di Football Story! 

Leggi anche: La prima e unica vittoria nella storia di San Marino: 1-0 al Liechtenstein!