Villiam Vecchi, il portiere eroe di Salonicco Re di Coppe milanista

In ricordo di Villiam Vecchi, l’eroe di Salonicco per i milanisti.

Villiam Vecchi

Il Milan dice addio a Villiam Vecchi, il suo portiere “eroe di Salonicco”

Lutto per il Milan. Se n’è andato Villiam Vecchi, ex portiere degli anni Sessanta e Settanta e storico preparatore portieri dei rossoneri. Vecchi aveva 73 anni ed era malato da tempo. Ha legato la sua carriera nel mondo del calcio al Milan, divenendone portiere tra gli anni Sessanta e Settanta ed in seguito preparatore dei portieri dal 2001 al 2010. In particolare, il suo nome resterà legato ad una delle più belle imprese del Diavolo nelle competizioni europee.

L’eroe di Salonicco nella finale di Coppa delle Coppe 1972/73

Villiam Vecchi ha vestito la maglia da portiere rossonera dal 1967 al 1974, cresciuto all’ombra di Fabio Cudicini, altra leggenda dei portieri milanisti, ebbe la sua consacrazione nella stagione 1972/73 quando divenne l’estremo difensore titolare della squadra. In quell’anno il Milan raggiunse la finale della Coppa delle Coppe. Gara di cui Vecchi fu protagonista assoluto. A Salonicco, la formazione di Nereo Rocco passò in vantaggio dopo appena cinque minuti con Chiarugi. Poi iniziò una lunga ed estenuante battaglia con il Leeds United che attaccò incessantemente alla ricerca del pareggio. Fu un vero e proprio assedio, vanificato però dalle clamorose parate del portiere rossonero che quella sera giocò forse la partita più bella della sua carriera. Il Milan riuscì poi a mantenere quel gol di vantaggio, seppur con qualche rimostranza da parte del Leeds che si ritenne oltremodo penalizzato dall’arbitraggio. Nonostante ciò la coppa andò al Diavolo, anche e soprattutto grazie alle parate di Vecchi che così poté alzare al cielo quel trofeo. E non sarebbe stato neanche l’unico della sua carriera.

Il preparatore portieri pupillo di Ancelotti con il vizio delle coppe europee

Una volta terminata l’avventura da calciatore, Villiam Vecchi è rimasto tra i pali, stavolta però nelle vesti di preparatore dei portieri. Da sempre fido collaboratore di Carlo Ancelotti, ha seguito il tecnico di Reggiolo tra Reggiana, Parma, Juventus fino al ritorno al Milan. Nove anni, dal 2001 al 2010 ricchi di successi, tra cui le due Champions vinte nel 2003 e nel 2007, con la prima che segnò la consacrazione dell’estremo difensore brasiliano Dida. E poi ancora con Ancelotti al Real Madrid con un’altra Champions in tasca. Senza contare i fior fiori di portieri allenati: da Buffon a Casillas, passando per Abbiati. Tutti portieri diventati campioni anche grazie al lavoro di Vecchi, l’eroe di Salonicco di un calcio che non c’è più.

“Frammenti di calcio” – 258 storie sul mondo del futbol” ecco QUI online il libro di Football Story! 

Leggi anche: Lo “sciagurato” Egidio Calloni e le sue callonate col Milan