Peter Robinson, il dirigente più longevo e vincente del Liverpool

Peter Robinson

Il Liverpool piange la scomparsa di Peter Robinson, suo storico segretario

Liverpool in lutto per la scomparsa del suo ex dirigente Peter Robinson, che si è spento ieri all’età di 86 anni. Sconosciuto ai più, Robinson è stato uno dei pilastri del club dietro la scrivania, contribuendo a dar vita alla gloriosa epopea Reds dagli anni Sessanta fino all’alba del Terzo Millennio. Una lunga vita dedicata al calcio e al Liverpool la sua.

La scalata dirigenziale nel calcio inglese

Nato nel 1936, Peter Robinson iniziò la sua carriera dirigenziale fin da giovanissimo. Tuttavia, la sua avventura calcistica non iniziò da Liverpool. Lo Stockport County, fu la squadra in cui ebbe il suo primo incarico da dirigente. Poi ebbe altre esperienze con Crewe, Brighton & Hove Scunthorpe. Tuttavia, l’occasione della sua vita arrivò nel 1965 con la chiamata di uno dei club più blasonati del calcio inglese. Il Liverpool in quel periodo stava tornando ai vertici in Inghilterra e in Europa dopo un periodo buio, grazie all’avvento del manager Bill Shankly che nella stagione 1963-64 aveva vinto il campionato dopo 17 anni di astinenza. L’anno successivo arrivò appunto Robinson che sostituì il segretario Jimmy McInnes, tragicamente morto suicida il 5 maggio di quell’anno. L’arrivo di Robinson seguì di poche settimane il suo primo successo da dirigente dei Reds con la vittoria della prima FA Cup. Fu l’inizio di una fortunata avventura durata ben 35 anni.

Peter Robinson, il segretario più longevo e vincente nella storia del Liverpool

Con il passare degli anni Peter Robinson divenne sempre più una figura chiave dietro la scrivania per i trionfi della squadra liverpudliana. Negli anni Sessanta formerà una sorta di “triade” con il manager Bill Shankly e con l’allora presidente John Smith. Il suo acume da dirigente si manifestò nel calciomercato. Sotto la sua gestione firmarono alcuni dei grandi campioni Reds come Souness, Keegan e DalglishSenza dimenticare poi alcune intuizioni manageriali. Ad esempio fu lui a chiudere il primo contratto di sponsorizzazione sulle maglie della squadra con la Hitachi. Così come fu lui a spingere per la creazione dell’Academy con sede a Kirkby. Infine i rapporti che seppe curare con i vari allenatori che si sono succeduti nella sua lunga esperienza ad Anfield: da Shankly a Bob Paisley, passando per Joe Fagan, Kenny Dalglish (nel ruolo di giocatore-allenatore), poi Ronnie Moran, Graeme Souness, Roy Evans. Nel 1992 Robinson divenne anche amministratore delegato e nel ’98 fece il suo ultimo regalo alla squadra, ingaggiando come allenatore il francese Gérard Houllier. Altra scelta che si rivelò azzeccata che consentì al dirigente di andare in pensione nel 2000 con 29 trofei conquistati in 35 anni di lavoro ad Anfield Road. Un uomo chiave dietro le quinte che forse avrebbe meritato anche lui le luci della ribalta.

È uscito il libro di Football Story “Frammenti di Calcio”! acquistalo QUI!

Leggi anche: William Cropper, l’attaccante inglese a cui si perforò l’intestino in campo