Dino da Costa, il primo brasiliano della Roma mattatore dei derby

Dino da Costa

La Serie A piange la scomparsa di Dino da Costa, bomber brasiliano e recordman degli anni ’50

Il mondo del calcio piange la scomparsa di Dino da Costa, ex calciatore brasiliano naturalizzato italiano, morto ieri a Verona all’età di 89 anni. Da Costa ha legato la sua carriera da calciatore negli anni Cinquanta in particolare a Roma, Fiorentina, Atalanta, Juventus e Ascoli. Naturalizzato italiano nel 1955, ha anche militato nella Nazionale italiana, segnando il gol azzurro nella sciagurata gara contro l’Irlanda del Nord che costò agli azzurri la qualificazione ai Mondiali del 1958.

Dino da Costa, il mattatore dei derby della Capitale

L’esperienza più importante della sua carriera è stata sicuramente quella con la Roma che ieri sera lo ha ricordato sui suoi canali social. Ai colori giallorossi è rimasto legato per due motivi particolari: in primis perché fu il primo calciatore brasiliano nella storia della Roma; l’altra motivazione riguarda un curioso record tuttora imbattuto. Infatti, Dino da Costa è il re dei marcatori nei derby della Capitale tra Roma e Lazio. In cinque anni in giallorosso (dal 1955 al 1960) da Costa ha segnato ben 12 reti nei derby con la Lazio. Il primo lo segnò l’11 settembre 1955 nella Coppa Zenobi, poi nove reti in campionato e due in Coppa Italia. Numeri che ne fanno tuttora il re dei bomber in assoluto nei derby capitolini.

Re dei bomber nel derby romano e re di Coppe in Serie A

Negli anni successivi all’esperienza romana Dino da Costa divenne recordman nelle coppe. Nel 1960/61 andò in prestito alla Fiorentina vincendo Coppa Italia Coppa delle Coppe. Nella stagione seguente tornò a Roma vincendo la Coppa delle Fiere (unico trofeo internazionale del club romanista). Dal 1961 al 1963 militò invece nell’Atalanta dove vinse la prima e unica Coppa Italia del club orobico per poi giocare per tre anni alla Juventus dove conquistò la terza Coppa nazionale della sua carriera. Da Costa concluse la sua carriera da “re di coppe” dopo aver giocato al Verona in Serie B e all’Ascoli in Serie C. Un carioca diventato campione in Italia.

FOTO: AS Roma Twitter.

Leggi anche: Branco e quella punizione in un Derby della Lanterna diventata cartolina