Sasa Curcic, il bad boy del calcio slavo, tra donne, vizi e… Grande Fratello!

Sasa Curcic Sorry! You are blocked from seeing ads

Sasa Curcic era un centrocampista dalle ottime doti tecniche. La sua carriera, tuttavia, si è presto eclissata per via della vita sregolata che conduceva. Alcool, droghe e prostitute in un turbinio di vizi che lo portò al baratro economico. Per risollevarsi, partecipò al Grande Fratello serbo!

SASA CURCIC, UN “MAVERICK” DEL CALCIO DIRETTAMENTE DALLA JUGOSLAVIA

Doveva essere il punto fermo della nazionale slava di metà anni 90. Fu costretto ad accontentarsi di una manciata di presenze con la Jugoslavia e di una carriera piena di se e di ma. Sasa Curcic era un centrocampista raffinato, di quelli che giocano a testa alta e fanno innamorare i tifosi con numeri di alta scuola. Nei primi anni da professionista, ebbe un’ascesa rapida, affermandosi tra le rivelazioni nel panorama calcistico europeo. Le ottime prestazioni con la maglia dell’OFK Belgrado gli permisero di approdare al ben più blasonato Partizan Belgrado. Anche questa esperienza si rivelò assai proficua, tant’è che il talentuoso centrocampista, dopo un ottimo biennio, volò oltremanica e firmò con il Bolton.

Dopo un solo anno, fu ingaggiato dall’Aston Villa e da quel momento in poi, iniziarono i suoi problemi. In pochi, fino ad allora, si erano accorti dei tanti, troppi vizi di Curcic. Un ragazzo che amava sfrenatamente la movida e il lusso e faceva sempre meno per nasconderlo. Affiancato da diversi compagni con le sue stesse passioni, scivolò presto nella perdizione. Proprio nel suo biennio ai Villans, riuscì ripetutamente a far inferocire la dirigenza. Tutto il suo stipendio, di circa 13 mila sterline a settimana, veniva letteralmente sperperato. Si narra di focosi festini generosamente offerti ai suoi amici. Addirittura, sembra che in più di un’occasione, Curcic affittò un pullman pieno di prostitute, passando a prendere i suoi compagni a domicilio.

LA RAPIDA DISCESA NEGLI INFERI

Se, da una parte, i tifosi dell’Aston Villa lo adoravano per alcune sue giocate da fuoriclasse, staff tecnico e dirigenza tolleravano sempre meno il suo atteggiamento e iniziarono a metterlo da parte. Proprio nel periodo di militanza nel club di Birmingham, strinse una fortissima amicizia con Savo Milosevic, futuro attaccante del Parma. Attenzione, perché questo legame, anni dopo, gli permetterà di rialzare la testa! Ma torniamo alla sua bislacca vita perché lo stesso Sasa Curcic iniziò a far parlare di sé per alcune dichiarazioni abbastanza inspiegabili. Per anni, infatti, vantò di avere un certo charme nei confronti delle donne e affermò di aver sedotto le più belle modelle del mondo.

Mentre la sua carriera andava rapidamente a rotoli, Curcic, che certamente non era un adone, millantò di aver dormito con celebrità come Eva Herzigova o Naomi Campbell. Inoltre, aggiunse di non aver mai pagato una donna in vita sua, nonostante i noti episodi avvenuti negli anni ai Villans. Letteralmente cacciato dal club, ebbe un’esperienza annuale, tutto sommato buona, con il Cristal Palace prima di lasciare l’Inghilterra e andare in un campionato decisamente di caratura inferiore come quello statunitense. L’avventura con i New York Red Bull fu un disastro assoluto. Nella città della Grande Mela, strinse una forte amicizia col campione di basket Dennis Rodman e, insieme, ne combinarono di ogni genere.

LA PARTECIPAZIONE AL GRANDE FRATELLO

Ormai definitivamente fuori dal giro della Nazionale slava, con cui si accontentò di collezionare 13 presenze, Curcic finí presto ai margini dei New York Red Bull. Anche stavolta allontanato, tentò una breve e insignificante avventura in Scozia con il Motherwell, vedendo il campo in sole 5 occasioni. Ormai privo di stimoli e ridotto a brandelli fisicamente per via del suo tenore di vita, fece ritorno in patria. Le poche apparizioni con la maglia dell’Obilic certificarono ciò che ormai era sotto gli occhi di tutti: Sasa Curcic era un ex calciatore. A soli 29 anni, l’ex talento slavo annunciò il ritiro dall’attività. Una carriera che avrebbe potuto regalare grandi gioie e che, invece, si concludeva prematuramente e con tanti rimpianti.

Dopo il ritiro, la vita privata di Sasa assunse contorni drammatici. In pochissimo tempo, sperperò tutti i pochi soldi messi da parte negli anni da calciatore. Diventò dipendente dalle droghe, il suo alcolismo peggiorò e in più si aggiunse il gioco d’azzardo. Ormai sul baratro, perse anche la casa e si ritrovò a vivere sotto un ponte. Per oltre un mese, girovagò come un vagabondo per le strade di Belgrado in condizioni deprecabili. Ma fu proprio a questo punto che Sasa Milosevic riapparse nella sua vita e lo aiutò a risollevarsi. Scoperte le condizioni in cui viveva l’amico, l’attaccante lo ospitò per un determinato periodo, aiutandolo a ripulirsi dai vizi.

Successivamente, facendo leva sulle sue conoscenze, Milosevic riuscì a farlo partecipare al Grande Fratello serbo, proponendosi anche come suo “sponsor” all’esterno. La partecipazione al reality show fu entusiasmante e Curcic arrivò a ottenere la vittoria finale. Grazie ai soldi guadagnati, pagò tutti i debiti contratti, si rifece naso e denti e diventò un popolare volto della televisione serba. Una popolarità che, date le sue innate doti tecniche, avrebbe tranquillamente potuto ottenere grazie al calcio. Peccato che, in quegli anni, il ragazzo avesse ben altre priorità!

Frammenti di Calcio è il nostro libro. Clicca QUI per acquistarlo!

LEGGI ANCHE: DURO MA FRAGILE, LA DISCESA NEGLI ABISSI E LA LENTA RISALITA DI COLIN MCNAIR

error: Content is protected !!