La clamorosa sconfitta del Brasile contro la Top Umbria prima di Italia 90!


Durante la preparazione per Italia 90, il Brasile di mister Lazaroni disputa un’amichevole contro la selezione Top Umbria a Terni. Terminerà con un’incredibile sconfitta per 1-0, tra le critiche sempre più incessanti della stampa verdeoro.

L’AMICHEVOLE TRA BRASILE E TOP UMBRIA

Il Brasile, alla vigilia del Mondiale, giunge in Italia con un clima attorno tutt’altro che positivo. Il CT Lazaroni è attanagliato dalle critiche, nonostante abbia vinto la Copa America appena un anno prima. Anche durante le qualificazioni, la Selecao ha vinto il proprio girone senza patemi. Ciò nonostante, il commissario tecnico continua a ricevere minacce di morte. A nessuno, in Brasile, va giù la sua idea di calcio. Nel Paese del calcio bailado, della tecnica, della fantasia, è inconcepibile giocare col 5-3-2 e tenere fuori tanti talenti. Ma Lazaroni è uno tosto e va avanti per la sua strada, contro tutti e tutto.

La prima amichevole europea non è andata bene. Il Brasile ha pareggiato per 3-3 con la Germania dell’Est, palesando enormi limiti mentali e tattico contro una Nazionale che stava ormai sparendo ufficialmente. Successivamente, la Selecao disintegra il  Gubbio con un netto  14-1 con Bebeto e Romario grandi protagonisti. A distanza di 15 giorni da quel pareggio insulso, i sudamericani si accingono ad affrontare, il 28 Maggio, la loro terza gara. E’ un match che si disputa a Terni tra il Brasile e una selezione locale chiamata Top Umbria. Quest’ultima è formata quasi unicamente da giocatori di serie C, selezionati soprattutto tra le rose di Perugia, Ternana e per l’appunto Gubbio. Sulla carta non c’è partita, ma le cose andranno diversamente.

IL CLAMOROSO KO

Si narra che a Terni ci siano 988 giornalisti brasiliani accreditati per assistere al match. Per molti è una gara inutile, che andrà sicuramente come il test contro la formazione locale di pochi giorni prima. Gli occhi sono soprattutto su Romario. Il Baixinho è reduce da un infortunio alla gamba e non è al meglio. Nelle ore precedenti ha dichiarato di sentirsi meglio e di essere fiducioso per il suo pieno recupero. Il centravanti brasiliano, comunque, sarà squalificato per la gara di esordio del Brasile a Italia 90 contro la Svezia e quindi Lazaroni cerca anche soluzioni alternative.

Lazaroni non si schioda dal suo 5-3-2 e schiera questa formazione: Taffarel tra i pali, difesa composta da Jorginho, Galvao, Mozer, Ricardo Moses e Branco. A centrocampo giocano Alemao, Dunga e Valdo mentre la coppia d’attacco è formata da Careca e Muller. C’è tanta Italia in campo, visto che molti dei brasiliani militano in serie A, compreso Aldair che però è in panchina inizialmente. Dopo lo spettacolo pre-partita degli sbandieratori locali, dinanzi a 15 mila tifosi, l’amichevole ha inizio. Dopo una manciata di minuti, succede l’imponderabile. Ciccio Artistico, giovanissimo attaccante del Perugia, che poi farà un’ottima carriera tra A e B, si appresta a battere una punizione. La traiettoria beffa Taffarel: Top Umbria in vantaggio sul Brasile. ECCO IL LINK PER VEDERE IL GOL: CICCIO ARTISTICO BATTE TAFFAREL PER L’1-0

IL FORCING BRASILIANO

La Selecao non si scompone minimamente. C’è tutto il tempo per rimontare e c’è la consapevolezza di poter distruggere la selezione locale come già fatto contro il Gubbio. Il Brasile rimette palla in mezzo e inizia a macinare gioco. La qualità della manovra della squadra di Lazaroni cresce e le occasioni iniziano a fioccare. Il portiere locale Vinti è strepitoso in più occasioni e si va all’intervallo ancora sull’1-0. Nella ripresa non c’è più Vinti in porta, bensì Riommi ma la musica non cambia. Anche il numero 12 umbro si supera ripetutamente. Lazaroni le prova tutte, butta dentro anche l’acciaccato Romario ma il risultato non cambia più. Al fischio finale c’è incredulità: la Top Umbria ha appena battuto il grande Brasile!

Il CT Lazaroni lo considera solo un piccolo incidente di percorso e dice di non voler cambiare i suoi programmi. Vede nel recupero di Romario l’elemento chiave della sua formazione. A Italia 90 le cose non andranno benissimo. La Selecao è tra le favorite con Italia e Germania. Dopo aver passato il girone senza alcun patema, vincendole tutte, il Brasile affronta gli storici rivali dell’Argentina  nei quarti. L’albiceleste, tolte le giocate di Maradona, non sembra una squadra in grado di fermare la Selecao. Eppure, nonostante pali e traversa a raffica, il Brasile si arrende al gol di Caniggia nel finale. I verde-oro sono eliminati e si leccano le ferite. Forse avrebbero dovuto dare più peso a quell’umiliante sconfitta contro la seleziona umbra, firmata dalla prodezza di Ciccio Artistico.

LEGGI ANCHE: QUANDO IL PONTEDERA SCONFISSE LA NAZIONALE ITALIANA DI ARRIGO SACCHI!

Fabio Junior Roma

Fabio Junior, il leggendario bidone della Roma che qualcuno paragonò a Ronaldo

L’Olanda del calcio totale e la rivoluzione dei numeri sulle maglie