Il Forest Green Rovers, la squadra inglese vegana e a impatto zero!

Forest Green Rovers

Il club inglese del Forest Green Rovers combatte attivamente da anni a favore dell’ambiente. Dopo varie iniziative più o meno recenti, la società ha deciso di costruire uno stadio completamente in legno e del tutto ecosostenibile!

IL FOREST GREEN ROVERS

Proprio in questi giorni, a Glasgow, le rappresentanze delle Nazioni Unite stanno incessantemente discutendo circa il futuro ecologico del nostro pianeta. L’obiettivo è quello di abbassare, negli anni a venire, il livello di emissione dei gas serra. Contemporaneamente, si stanno susseguendo anche le varie manifestazioni degli attivisti che, spinti da Greta Thunberg, si augurano decisioni drastiche sul problema ecologico. In tal senso, ormai da qualche anno, è senz’altro da menzionare l’operato di una squadra di calcio, il Forest Green Rovers. Il club inglese, che milita in quarta divisione, è ormai in prima fila per contribuire, nel limite delle proprie possibilità, alla salvaguardia ambientale. Innanzitutto, si tratta di una squadra dagli ideali vegani e cerca di infonderli anche ai propri tesserati e sostenitori.

Tuttavia, è dall’arrivo del presidente Dale Vince nel 2011, fondatore dell’azienda Ecotricity, che il Forest ha iniziato a lavorare attivamente nell’ecologico. Tante le iniziative di rilievo. Basti pensare che già nel corso del primo anno di presidenza di Vince, il club ha fatto istallare 180 pannelli solari sul tetto dell’impianto sportivo al fine di generare la luce sufficiente. Un anno dopo, la società ha acquistato un robot che si alimenta a energia solare e che taglia l’erba del campo senza bisogno di essere guidato da un uomo. Inoltre, il terreno di gioco si irriga grazie ad un sistema di raccolta di acqua piovana mentre all’esterno dello stadio sono presenti colonnine per la ricarica di veicoli elettrici. Ma, nonostante il grande impegno mostrato già nei primissimi anni di gestione, Vince non si è accontentato e ha messo nel mirino l’obiettivo di costruire un proprio stadio ancor più ecologico!

IL PROGETTO DELL’ECO PARK

Tutto ciò che Dale Vince e i suoi soci hanno fatto durante la loro gestione non li ha soddisfatti in pieno. Lo stadio The New Lawn, su cui sono massicciamente intervenuti in questi anni, era però stato progettato prima del loro arrivo. Pur essendo di costruzione molto recente (è stato inaugurato soltanto nel 2006), non era stato ideato per venir considerata una struttura ecosostenibile. Così, la dirigenza del Forest Green Rovers ha deciso di costruire un proprio impianto, con un progetto del tutto innovativo e ovviamente nel pieno rispetto delle loro idee. Si sono affidati al noto architetto Zaha Hadid, famosa proprio per la progettazione di strutture “green”. La donna, purtroppo, è poi successivamente morta per un attacco cardiaco. Il progetto dell’Eco Park prevede una realizzazione interamente in legno e vedrà la piantagione di circa 500 alberi attorno alla struttura.

La scelta dell’utilizzo di tale materiale è dettata dal fatto che il legno presenti la minor quantità di carbonio rispetto a tutte le altre sostanze usate per la costruzione. Il nuovo stadio del Forest Green prevede la presenza di 5000 spettatori con altrettanti posti a sedere. Non vi sarà soltanto il campo da calcio ma numerose strutture come impianti per il calcetto, campi indoor, palestra e perfino un edificio per gli studi scientifici da applicare allo sport. Il resto del terreno verrà utilizzato per la costruzione di un centro commerciale, anch’esso totalmente ecosostenibile e che darà lavoro a circa 4000 persone! Tra coloro che sono rimasti piacevolmente colpiti dal progetto del club figura anche il terzino dell’Arsenal Hector Bellerin. Lo spagnolo, infatti, da sempre molto attivo in tali battaglie, ha deciso di investire in tale progetto!

Frammenti di Calcio è il nostro libro, clicca QUI per acquistarlo!

link: IODINE PARK, L’AFFASCINANTE STADIO DEL MILLHEAD RICAVATO DA UNA CAVA ABBANDONATA!

cesare cattaneo avellino

Cesare Cattaneo, il focoso stopper degli anni ’70, bandiera dell’Avellino

Hateley Collovati

Hateley e l’iconico volo su Collovati divenuto una coreografia di Milan-Inter