Quando la Juventus fu la prima italiana ad espugnare Old Trafford

Manchester Utd-Juventus Old Trafford 1996

Old Trafford: il fortino quasi inespugnabile per le squadre italiane

Quella sfiorata ieri sera dall’Atalanta  sarebbe stata forse  la più eclatante affermazione di una squadra italiana all’Old Trafford. Anche perché le squadre italiane a violare il “Teatro dei Sogni” sono state davvero poche. Basti pensare che la prima vittoria di un nostro club nello stadio dello United ci fu 24 anni e undici mesi fa. E a compiere l’impresa fu nientepopodimeno che la Vecchia Signora che si regalò una serata storica nella competizione più importante d’Europa contro una delle squadre più blasonate del vecchio continente e in uno dei palcoscenici più prestigiosi.

20 novembre 1996: la Juventus prima italiana ad espugnare Old Trafford

Accadde il 20 novembre 1996. Quella sera la Juventus di Marcello Lippi, Campione d’Europa in carica, andava a fare visita al Manchester United di Sir Alex Ferguson che in quel periodo stava facendo le  prove per tornare grande anche in Europa. Le due squadre si sfidarono per il girone C della Champions League 1996/97. I bianconeri arrivavano a quella sfida già qualificati, mentre i Red Devils dovevano guardarsi le spalle dal Fenerbahçe che insidiava il loro secondo posto. La Juve, nonostante la qualificazione acquisita, scese in campo nel teatro dei sogni dell’Old Trafford con la migliore formazione. Anche dall’altra parte c’era tanta qualità. Campioni del calibro di Del Piero, Zidane, Deschamps Jugovic per la Madama; come Cantona, Beckham, Giggs e Keane per lo United. Una sfida dal grande fascino che prometteva grandi scintille.

L’implacabile Del Piero che affondò lo United nel suo tempio

E così fu. Gli uomini di Lippi non ebbero alcun timore reverenziale nei confronti degli avversari e soprattutto di quell’Old Trafford, fino a quel momento terreno di gioco maledetto per le squadre italiane. Il dominio della Vecchia Signora si concretizzò al 36′ del primo tempo, quando Del Piero superò con un dribbling secco il centrocampista dei Red Devils Niki Butt, il quale fu costretto ad atterrare in area di rigore il numero 10 juventino. Calcio di rigore che lo stesso Pinturicchio trasformò in maniera esemplare. Fu il gol che decise la gara, con una Juve che dominò i “Diavoli Rossi” di Manchester trascinata anche da un Zidane ispiratissimo e un Boksic devastante. I bianconeri sbancarono così il teatro dei sogni del calcio inglese e diedero una dimostrazione del perché quella Juventus di Marcello Lippi è stata una delle più forti di sempre (Ferguson docet). E lo dimostrerà qualche settimana dopo vincendo anche la Coppa Intercontinentale contro il River Plate, sempre con il solito Del Piero.

FOTO: Deporgraphy Twitter.

È uscito il libro di Football Story “Frammenti di calcio”! clicca QUI per ordinarlo!

Leggi anche: Jorge Costa e Weah, storie tese nel finale di un Porto-Milan del ’96

nascita mercato riparazione

La nascita del mercato di riparazione tra polemiche, sogni e sviste!

Miguel Angel Converti

Miguel Angel Converti, El Ringo argentino che conquistò la Colombia