Dinamo Dresda-Bayern Monaco, le due Germanie due volte contro in Coppa Campioni

Dinamo Dresda-Bayern Monaco, un’epica doppia sfida nella Coppa dei Campioni 1973-74.

Dinamo Dresda-Bayern Monaco

Dinamo Dresda-Bayern Monaco, le due Germanie contro nella Coppa dei Campioni 1973-74

La stagione 1973-74 fu la stagione del calcio tedesco per antonomasia. Con il Mondiale alle porte, ospitato dai tedeschi dell’Ovest, le due Germanie dominarono la scena anche a livello di club. Fu l’annata del grande Bayern Monaco che dominava ad Ovest, del Magdeburgo che trionfò nella Coppa delle Coppe e fu anche l’annata in cui DBR e DDR si sfidarono sul campo nella coppa dalle grandi orecchie. Andò in scena, infatti, un Dinamo Dresda-Bayern Monaco rimasto alla storia del calcio oltre cortina così come la sfida di ritorno a Monaco di Baviera.

Il primo round degli ottavi di finale

Agli ottavi di finale dell’edizione 1973-74 della Coppa dei Campioni, il destino propose una sfida decisamente particolare. Dinamo Dresda-Bayern Monaco. Da un lato il grande Bayern di Udo Lattek che, trascinato dalle parate di Sepp Maier e dai gol dell’immortale Gerd Müller, avrebbe conquistato tre Coppe dei Campioni consecutive. Dall’altro, la Dinamo che aveva iniziato ad imporsi nel calcio dell’Est, precedendo l’epoca d’oro dell’altra Dinamo (quella di Berlino). La squadra di Dresda, campione della Germania Est, aveva iniziato il suo cammino europeo sbattendo fuori la Juventus. Al primo turno ora c’era la squadra più forte dall’altra parte del Muro. Il 24 ottobre 1973 andò in scena il primo round. E furono davvero scintille all’Olympiastadion di Monaco. Fu la Dinamo a sbloccare l’incontro grazie ad un’autorete di Hansen dopo tredici minuti. Il Bayern pareggiò quattro minuti dopo con Hoffman. I bavaresi poi effettuarono il sorpasso con Dürnberger imbeccato dal Kaiser Franz Beckenbauer al 26′. I tedeschi dell’est però si ripareggiarono i conti con la rete Sachse per poi riportarsi in vantaggio nel finale di primo tempo con Heidler. Il Bayern però non mollava mai e nella ripresa riacciuffò la partita, prima con il pari a venti dalla fine con Roth e con il gol vittoria siglato dal solito Müller al 38′ del secondo tempo per un 4-3 spettacolare. E le emozioni non erano ancora finite.

Dinamo Dresda-Bayern Monaco, quando i tedeschi dell’Est sfiorarono l’impresa contro i bavaresi

Ci si divertì molto anche nel return match al Dynamostadion il 7 novembre. Successe tutto in un’ora di gioco. Sembrava tutto in discesa per il Bayern, portatosi sullo 0-2 in dodici minuti grazie ad una doppietta di Uli Hoeness. La Dinamo, però, non voleva e non poteva alzare bandiera bianca così in una partita dai risvolti soprattutto politici e così riuscì prima ad accorciare le distanze con Watlitz, poi pareggiando con la rete di Schader e infine passando in vantaggio con Hafne. L’impresa sembrava ad un passo. Ma era una partita la cui importanza andava anche oltre il calcio. E al minuto 58 arrivò il pari dei bavaresi. A segnarlo non poteva che essere il re dei bomber Müller. Dinamo Dresda-Bayern Monaco 3-3. Il risultato con cambiò fino al fischio finale e condannò i gialloneri all’eliminazione dopo aver accarezzato a lungo il sogno di eliminare anche i panzer dell’Ovest.

“Frammenti di calcio – 258 storie sul mondo del futbol”, il libro di Football Story è disponibile QUI

Leggi anche: Magdeburgo, la squadra della Germania Est che esorcizzò il Diavolo