John Dahl Tomasson, l’uomo che “rubò” un gol a Inzaghi contro l’Ajax

John Dahl Tomasson

John Dahl Tomasson, l’uomo che “rubò” un gol a Inzaghi che valse una semifinale di Champions

John Dahl Tomasson è un ex attaccante danese con una esperienza italiana al Milan tra il 2002 e il 2005. A Milanello si fece apprezzare soprattutto per la sua duttilità tattica e la sua cultura del lavoro. I tifosi rossoneri lo ricordano soprattutto per un gol memorabile segnato all’Ajax ai quarti di finale di Champions League 2002/2003.

Il gol decisivo all’Ajax e gli anni successivi al Milan

Dopo lo 0-0 dell’andata ad Amsterdam, il 23 aprile 2003 si giocò la sfida di ritorno a San Siro. Vantaggio rossonero firmato da Inzaghi. Pareggio Ajax con Litmanen. Nuovo vantaggio rossonero con Shevchenko, ma al 78′ Pienaar gelò San Siro per un 2-2 che avrebbe premiato gli olandesi in virtù dei gol in trasferta. La storia però andò diversamente. Allo scoccare del 90′ assalto finale rossonero: cross di Maldini spizzato di testa da Ambrosini. La palla arrivò a Pippo Inzaghi che superò il portiere con un pallonetto. Poco prima che la palla entri in rete, John Dahl Tomasson la toccò gelando San Siro per un sospetto fuorigioco. Il guardialinee non alzò la bandierina. 3-2 e il Milan in semifinale. Fu il momento più elettrizzante dell’avventura rossonera di Tomasson. Un’avventura che sarebbe durata altri due anni, fino a quando la concorrenza di Inzaghi e Shevchenko lo costrinse a cambiare aria. Due anni a Stoccarda, uno al Villareal e il ritorno al Feyenoord prima del ritiro nel 2001 a 35 anni.

Che fine ha fatto John Dahl Tomasson

Terminata la carriera agonistica John Dahl Tomasson ha intrapreso quella da allenatore. Diverse esperienze da assistente e da allenatore prima nell’Excelsior, poi nel Roda. Altra parentesi da collaboratore tecnico nel Vitesse e successivamente quattro anni da assistente con la Danimarca. Oggi allena il Malmö in cui crebbe Ibra, suo avversario in quella serata magica a San Siro contro l’Ajax.

FOTO: Noname Twitter.

Leggi anche: Edgar Davids: una vita tra tackle, belle donne e partite con gli immigrati