La Ternana 91-92, la squadra che vinse la C1 segnando solo 24 reti!

Ternana 91-92

Il girone B della C1 91-92 fu vinto dalla Ternana. La squadra del tecnico Roberto Clagluna realizzò soltanto 24 reti in 34 gare ma fece leva su una difesa quasi impenetrabile!

LA TERNANA 91-92

Per tantissimi anni, in Italia, ci si è basati sulla convinzione che una solida difesa fosse la prima arma per poter ambire a vincere qualcosa di importante. Una teoria spesso confermata dai fatti ma che, nel caso della Ternana 91-92 raggiunse addirittura dei livelli estremi. I rossoverdi, infatti, stabilirono un autentico record, affermandosi nonostante uno dei peggiori attacchi dell’intero girone!!! Affidati all’esperienza di Roberto Clagluna, allenatore con un curriculum lunghissimo e che lo ha visto sedere anche sulle panchine di Lazio e Roma, gli umbri costruirono una rosa di buon valore. Tra i pali vi era un portiere di talento come Paolo Di Sarno, al tempo giovane e vero lusso per la categoria. In difesa, il tecnico faceva affidamento sui giovani e rocciosi  Atzori e Farris, supportati dai più esperti Della Pietra, Pochesci e Caramelli.

Centrocampo di sostanza, che ruotava attorno all’esperienza di Boccafresca e Raggi e alla presenza di Consonni, Canzian e Valerio Gazzani. In avanti un giovanotto di grandi speranze come Marco Negri scalpitava e chiedeva spazio, seppur inizialmente chiuso dall’argentino Ghezzi, supportato da Cangini e Papa. Un 4-4-2 che spesso si trasformava in 4-5-1 e che badava soprattutto a non prenderle. Un compito che alla squadra riuscì perfettamente, dati i numeri stratosferici, da un punto di vista difensivo, sui quali basò le proprie fortune. Inseriti nel girone B, le Fere si trovarono a combattere contro i rivali storici del Perugia, sulla carta i più accreditati al ritorno in cadetteria. Anche Fidelis Andria, Catania e Salernitana avevano ambizioni importanti, anche per via del blasone delle piazze. Insomma, per Clagluna e i suoi, il compito sembrava tutt’altro che semplice.

UNA DIFESA DI FERRO

La Ternana iniziò il suo torneo 91-92 abbonandosi immediatamente al risultato di 1-0, con cui vinse ben 3 delle prime 4 partite. Il primo gol subito giunse alla 4°giornata, nel pareggio interno per 1-1 contro la Reggina. Da lì in avanti, la Ternana di Clagluna riprese la propria corsa, a suon di vittorie di misura. Ne fece le spese anche il Perugia, nel sentito derby giocato al Renato Curi. In tutto il girone di andata, la squadra umbra conobbe soltanto due sconfitte. Una interna, inflitta dal Siracusa e l’altra ben più sorprendente, per 3-1 sul campo del Licata ultimo in classifica.

Pur al fronte di un attacco che stentava oltremodo, le Fere si trovavano nei quartieri altissimi della classifica e potevano sognare in grande, facendo leva anche sul fatto che fosse ancora l’epoca dei 2 punti e che anche qualche pareggio di troppo rappresentava un passetto in avanti verso il traguardo. Il girone di ritorno fu nuovamente molto regolare e la Ternana si trovò in corsa con i rivali del Perugia ma soprattutto con la Fidelis Andria. Proprio i pugliesi inflissero a Di Sarno e compagni una delle poche sconfitte del girone di ritorno, che tuttavia non influì sull’incredibile cammino dei rossoverdi. Al termine del campionato, infatti, la Ternana si trovò a quota 44 punti, precedendo di 3 lunghezze proprio la Fidelis.

Se la promozione in B, probabilmente non messa in conto ad inizio anno, rappresentava un grande traguardo, fu ancora più incredibile andare ad analizzare le statistiche. La squadra di Clagluna, infatti, aveva vinto ben 13 partite per 1-0. Le gare senza subire reti addirittura 23. Grazie a questa solidità difensiva, che vide il sempre presente Di Sarno prendere solo 13 gol, la Ternana riuscì a sopperire ad un attacco non propriamente letale. I soli 24 gol, infatti, furono sufficienti a vincere il campionato, con l’argentino Ghezzi e Marco Negri migliori marcatori della squadra con 5 gol! Il sogno umbro si spezzò l’anno seguente, quando Clagluna e soci fecero i conti con il livello ben più alto della Serie B, giungendo ultimi e facendo un immediato ritorno in Terza Serie!

Frammenti di Calcio è il nostro libro, clicca QUI per acquistarlo!

LEGGI ANCHE: LA BREVE GLORIA CALCISTICA DEL SARONNO 1996-97 CHE SFIORO’ LA SERIE B